Calenda contestato dai lavoratori se la prende: “Senza di me eravate a casa”

I lavoratori di Embraco hanno chiesto chiarimenti sulla situazione dell'azienda. Presente anche Carlo Calenda: "Se non cero io eravate tutti licenziati".

Carlo Calenda
Carlo Calenda

I lavoratori di Embraco, riuniti a manifestare davanti alla sede del Mise, hanno chiesto chiarimenti sulla situazione dell’azienda. Presente anche Carlo Calenda, ex Ministro allo Sviluppo economico. “La strada è sbagliata – ha detto -. Era stato istituito un fondo proprio per trovare un investitore in caso di emergenza, mettendoci un contratto di sviluppo. Io da un anno continuo a dire che il fondo deve intervenire. Poi, va fatto reinserire il fondo anti delocalizzazioni e Invitalia deve rilevare l’azienda. Il resto è tempo sprecato”.

A questo punto, però, l’eurodeputato, eletto col Pd (ma che ha abbandonato il partito per fondarne uno suo) è stato più volte interrotto contestato dai lavoratori presenti. “È colpa tua se siamo qui. Hai 409 lavoratori sulla coscienza“. Ha detto un uomo tra la folla. Calenda risponde: “Senza di me eravate tutti licenziati. E lo sai benissimo”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.