Referendum legge elettorale: la Lega deposita in Cassazione il quesito

La Lega ha depositato in Cassazione il quesito per il referendum sulla legge elettorale proposto da Matteo Salvini e appoggiato da 8 Regioni

Referendum legge elettorale
Referendum legge elettorale

La Lega ha depositato in Cassazione il quesito sul referendum che riguarda la Legge elettorale. A consegnare il quesito è stato il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli, accompagnato dai rappresentanti dei consigli regionali delle 8 Regioni (Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Sardegna Piemonte, Abruzzo, Basilicata e Liguria) che hanno dato il via libera.

Il referendum, che Calderoli ha definito “popolarellum” perché “a decidere sarà il popolo”, era stato proposto da Matteo Salvini. Si tratta della proposta di un referendum abrogativo della parte proporzionale dell’attuale legge elettorale, che mira a lasciare solo la parte maggioritaria. L’idea, perché possa essere presentata, deve venire dall’iniziativa popolare ( con 500.000 firme di cittadini aventi diritto di voto) o essere approvata da almeno 5 consigli regionali. In questo caso, le Regioni che hanno appoggiato il referendum abrogativo sulla legge elettorale sono state ben 8.

Il commento di Calderoli sul referendum per la legge elettorale

Calderoli ha commentato la richiesta assicurando: “Assolutamente no, non temo rifiuti dalla Corte costituzionale”. E poi ha proseguito:“Ho invocato i forconi se qualcuno all’ultimo momento dovesse fare la furbizia, cambiando la legge per non fare il referendum”, puntando il dito contro“questi tentativi truffaldini dell’ultimo momento” da parte dei parlamentari. “Si creerà un fronte popolare per raccolta firme per elezione diretta del capo dello Stato” ha osservato ancora Calderoli. Cosa che il leghista ritiene “auspicabile in tutto il Paese”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.