Carlo Calenda polemizza con Conte: «I suoi discorsi sagra del luogo comune»

Carlo Calenda, intervistato da "Radio Capital", ha criticato l'operato di Giuseppe Conte e i discorsi attuati dal capo di Governo.

Carlo Calenda
Carlo Calenda

Carlo Calenda, ospite di “Circo Massimo” su Radio Capital, ha parlato di numerosi argomenti. Dalla legge elettorale al nuovo partito fondato da Matteo Renzi e criticato aspramente da Giorgia Meloni.

Carlo Calenda ne ha per tutti

L’esponente politico ha criticato Giuseppe Conte definendo i suoi discorsi «la sagra del luogo comune. Io sono contrario al proporzionale. Non so se il mio sarà un movimentino o un movimentone, ma così il nostro diventerebbe il Paese degli accrocchi». Sul tavolo della discussione anche la delicata situazione di Alitalia. «Ingorgo al centro? No. Renzi sostiene il governo convintamente, Berlusconi si sta alleando con Salvini. Quello che manca è un movimento non che sia al centro ma che parli delle cose seriamente».

La situazione politica e i migranti

«Ingorgo al centro? No. Renzi sostiene il governo convintamente, Berlusconi si sta alleando con Salvini. Quello che manca è un movimento non che sia al centro ma che parli delle cose seriamente». Il nuovo accordo per la redistribuzione dei migranti, al momento riguardanti i soli richiedenti asilo, è tema di dibattito. «Penso sia un fatto importante, anche se riguarda una porzione dei migranti. E fa molto ridere che Salvini ne parli dicendo che riguarda solo le ONG, lui che non ha parlato d’altro».