Migranti, Salvini: «Accordo sola». Conte: «Non essere geloso»

Matteo Salvini critica l'operato del nuovo Governo con Giuseppe Conte al timone: la questione riguarda il summit sui migranti tenuto a Malta.

Sondaggi politici elettorali La7
Sondaggi politici elettorali La7

Matteo Salvini ha parlato ai microfoni di Skytg24 per analizzare il summit sui migranti che ha avuto luogo a Malta lunedì 23 settembre. Secondo il leader della Lega quanto deciso «sembra una sola, una fregatura. Gli unici contenti sono gli scafisti, non so se il signor Conte se ne rende Conte. Gli italiani non sono scemi – prosegue – i numeri dicono che si stanno moltiplicando e poi li troveremo in giro per Roma, Milano, Palermo».

Matteo Salvini e la questione dei migranti

Il nuovo Governo non è ben visto da Salvini che passa al contrattacco: «Stanno partendo e sbarcando più migranti, e ahimè rischiano di morire di più. Gli sbarchi, solo in questo mese di settembre, sono aumentati del 50%: se Conte sa e fa finta di non saperlo è grave. In un anno di governo ho ridotto gli sbarchi del 75%. Questi sono fatti, mentre l’accordo di Malta è solo l’ennesima promessa dell’Europa. Tante parole ma fatti zero».

Conte risponde

Il Premier Giuseppe Conte ha replicato a Salvini. «Salvini non deve avere gelosia e invidia, abbiamo compiuto un passo avanti storico, che non era mai successo prima. Se si difende l’interesse italiano bisogna guardare al risultato. Non bisogna guardare a chi lo ottiene e chi non lo ottiene. Abbiamo molta credibilità in Europa. Ci sono grandissime aperture che ci sono state anticipate e oggi ne raccogliamo i primi frutti. Attenzione però: non ci possiamo considerare appagati (…) Non vogliamo, in ogni caso, nuovi percorsi della morte».