D’Alema: “L’alleanza Pd-M5S dovevamo farla subito”

Massimo D'Alema è intervenuto alla festa di Articolo Uno parlando della nuova alleanza di Governo tra Pd e Movimento 5 stelle.

Massimo D'Alema
Massimo D'Alema

Massimo D’Alema è intervenuto alla festa di Articolo Uno parlando della nuova alleanza di Governo tra Pd e Movimento 5 stelle. “Il M5s un anno fa voleva fare il governo con la sinistra ma trovarono un muro ed è stato un errore grave“. Ha iniziato. “Salvini non vinse le elezioni ma ha vinto il dopo elezioni. Un anno fa il governo poteva nascere contro nessuno e non contro Salvini. Ci siamo arrivati tardi e più deboli. Si apre però una fase importante per il Paese”.

D’Alema: “L’alleanza Pd-M5S dovevamo farla subito”

“La progressiva perdita di rappresentanza nel mondo del lavoro – continua D’Alema – ha riguardato varie realtà della sinistra” dice rispondendo a una domanda sul fatto che molti operai abbiano votato per il M5S. La sinistra ha perso anche un ruolo pedagogico ed è diventata rappresentativa del ceto medio intellettuale ed è diventata preda del populismo. Il problema più grande della sinistra è ritrovare questo popolo”.

Poi aggiunge: “Il punto da cui ripartire è che la sinistra deve rappresentare il lavoro lo scorso anno il problema era la Lega che rappresentava l’antifascismo del Nord. Salvini ha trasformato la Lega del nord in una destra nazionale collegandosi alla destra europea. Dall’altra parte il M5s che era sbagliato accorpare alla Lega”.

Il fallimento del Governo gialloverde

Il governo gialloverde è fallito, spiega ancora D’Alema, “perché era fallimentare lo schema culturale secondo il quale non c’è più la destra e la sinistra, ma stando al governo con la Lega i 5 Stelle si sono accorti che c’era ancora quella destra. La sfida di oggi è dimostrare a M5s che, come c’è ancora la destra, esiste ancora anche la sinistra con i suoi contenuti di lotta per la giustizia sociale e contro le disuguaglianze”.

Infine: Siamo entrati nelle democrazie dei leader e dei sondaggi. In Cina mi hanno chiesto ‘siete sicuri che le persone migliori vanno al governo con la democrazia?’ La democrazia dei mass media è una democrazia senza struttura. Siamo di fronte a una crisi delle democrazie la convinzione dopo il crollo del muro di Berlino era che si sarebbero espanse le democrazie, per un decennio è stato così ma ora assistiamo a una battuta d’arresto della democrazia, con regimi autoritari non solo in Europa”.