Governo Conte, confermati Quota 100 e Reddito di cittadinanza

Con l'avvio della nuova maggioranza giungono novità per quanto concerne i provvedimenti come Quota 100 e Reddito di cittadinanza.

Governo Conte, novità su Quota 100 e Reddito di cittadinanza
Governo Conte, novità su Quota 100 e Reddito di cittadinanza (foto repertorio)

Dopo l’ufficializzazione del Governo Conte, in attesa della nomina dei sottosegretari, la nuova maggioranza ha già comunicato alcune novità su Quota 100 e Reddito di cittadinanza. Il nuovo Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, ha parlato di entrambi i provvedimenti pronti a ricevere una conferma. Quota 100 rimarrà attiva ma cresce l’ipotesi di uno stop anticipato (termine del 2020). Per quanto concerne il Reddito, invece, è stato lo stesso Conte ad anticipare la notizia: «Se ci saranno dei miglioramenti da fare, per Quota 100 o per il Reddito di cittadinanza, li faremo. Ma le due misure restano. L’Rdc non deve avere finalità assistenziale – ha dichiarato la Catalfo – ma deve servire a recuperare al circuito lavorativo persone esiliate, emarginate».

Quota 100 e Reddito di cittadinanza, non si escludono modifiche

Le domande giunte all’Inps, relativa a Quota 100, non hanno raggiunto la soglia sperata e non è escluso, quindi, che si possa propendere verso un cambiamento in questa ottica. I vertici dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale ha diffuso i dati: in totale 176mila domande presentate. Oltre la metà di esse giungono da lavoratori con un’età media tra i 64 e i 65 anni. Una percentuale inferiore rispetto ai 290mila pensionamenti previsti. Viste le domande a cadenza prettamente maschile si sta valutando la proroga dell’opzione donna. Altro nodo le pensioni dei lavoratori con carriere indicate come discontinue.