Governo M5S-Pd: il discorso di Conte alla Camera

Il governo M5S-Pd si prepara per il voto di fiducia alla Camera, previsto per questa sera alle 19.30. I risultati si potrebbero avere intorno alle 21

Governo M5S-Pd
Governo M5S-Pd

Il governo M5S-Pd si prepara per il voto di fiducia alla Camera, previsto per questa sera alle 19.30. Il risultato del voto si saprà intorno alle 21. Nel frattempo, l’agenda di questa mattina prevede le comunicazioni del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte all’Aula alle 11.00. Poi la seduta verrà sospesa, per permettere a Conte di depositare il discorso al Senato.

La seduta riprenderà poi alle 13, con il dibattito che proseguirà fino alle 17.30 quando sarà data la possibilità a Conte di rispondere. A quel punto ci saranno le dichiarazioni di voto. Dieci minuti per ogni Gruppo, due per ogni componente del Gruppo Misto. Agli interventi personali saranno riservati 18 minuti.

Il discorso del Premier Conte alla Camera

Conte inizia il suo discorso, e dichiara: “L’alleanza M5S-Pd è un progetto per il futuro dell’Italia”. Il programma di governo, ha sottolineato Conte, “non è l’elencazione di proposte eterogenee che si sovrappongono, né la sommatoria delle diverse posizioni politiche che sostengono questa iniziativa. E’, al contrario, una sintesi programmatica che disegna l’Italia del futuro, un progetto di governo del Paese fortemente collocato sul piano politico”. Tra le tante proposte, spiccano quelle che riguardano le famiglie. A partire dall’eliminazione delle rette degli asili, per contrastare la bassa natalità.

Inoltre, “valuteremo misure a sostegno delle famiglie meno abbienti nell’ottica di innalzare l’obbligo scolastico”, ha spiegato il Presidente del Consiglio. Tra gli applausi, Conte ha poi parlato dei docenti, espimendo la volontà che vengano valorizzati anche economicamente per i loro meriti, che sono quelli di formare le future generazioni. Inoltre, ha dichiarato di voler combattere il precariato attraverso concorsi ordinari e straordinari.

Questo è il governo più giovane della storia repubblicana, e non può rinnegare se stesso”, ha detto poi, sottolinando come sia fondamentale dare più opportunità ai giovani per incentivarli a rimanere in Italia. Anche la ricerca e l’innovazione sono al centro del discorso di Conte. L’obiettivo è quello di “trasformare l’Italia in una Smart Nation”. “Proprio per questo abbiamo voluto creare un Ministero dedicato all’innovazione tecnologica e alla digitalizzazione”, spiega. E’ necessaria, secondo il Premier, una “stragegia d’azione che porti l’Italia a primeggiare in tutti i settori della quarta rivoluzione industriale”.