Governo, la maggioranza perde un altro pezzo: Richetti (Pd) non vota

Nuovo, piccolo, problema per il Governo appena costituitosi. Matteo Richetti, senatore Pd, ha fatto sapere che non dovrebbe partecipare al voto.

Nuovo, piccolo, problema per il Governo appena costituitosi. Matteo Richetti, senatore Pd, ha fatto sapere che non dovrebbe partecipare al voto. Dunque la maggioranza perde un altro pezzo, che però dovrebbe contare tutto sommato discreti numeri. Al momento, il pallottoliere del Senato è fermo su quota 168. Sono però 12 i Senatori considerati incerti. Tra questi i Senatori a vita, che si fa ancora fatica a capire come voteranno. Tra gli incerti ci sarebbero anche Mario Monti e Liliana Segre.

Governo, la maggioranza perde un altro pezzo

La maggioranza comunque c’è, ma con numeri meno solidi, anche se non traballanti, del previsto. Ci sono i 105 Senatori del Movimento 5 stelle, per il momento orfani solo di Paragone. A questi vanno aggiunti i 50 voti del Partito democratico, abbandonati da Ricchetti. Infine ci sono i 9 voti del gruppo Misto, composto dai 4 senatori di Leu e gli ex 5 stelle.

Un altro ex 5 stelle non dovrebbe, invece, votare a favore della nuova maggioranza. Si tratta del Senatore Carlo Martelli. Tra chi ha dichiarato di non votare c’è anche Emma Bonino, i due senatori del Maie, Ricardo Merlo e Adriano Cario, ed infine i 3 della Svp.