Paola De Micheli: il nuovo Ministro delle Infrastrutture che ha preso il posto di Toninelli

Il nuovo Ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli ha una lunga carriera nei dem alle spalle, ma anche una pecca nel curriculum

Paola De Micheli (foto Facebook)
Paola De Micheli (foto Facebook)

Nel nuovo governo giallorosso che ha giurato al Quirinale il 5 settembre, a prendere il posto di Danilo Toninelli al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è stata Paola De Micheli.

La carriera politica di Paola De Micheli

Militante del Pd di lunga data, tanto da diventarne vicesegretaria dopo le elezioni di Nicola Zingaretti, Paola De Micheli è deputata dal 2008. Classe 1973 è laureata in Scienze Politiche e ha iniziato la sua carriera politica come consigliera comunale di Pontenure, nel piacentino, tra il 1999 al 2004. Dopo gli esordi nella Margherita, entra nel Pd di Pier Luigi Bersani, che la vuole al dipartimento Economia. Molto vicina ad Enrico Letta, viene nominata sottosegretario all’Economia, e quando a Palazzo Chigi arriva Paolo Gentiloni viene nominata commissario straordinario per la ricostruzione nelle zone terremotate in centro Italia, al posto di Vasco Errani.

La condanna del 2003

In molti hanno fatto notare una scarsa coerenza nella linea del Movimento 5 Stelle, che avevano sempre ribadito il “no” ad inserire figure condannate nell’esecutivo. Tuttavia, fa notare NextQuotidiano, non è questo il caso di Paola De Micheli. La quale, nel 2003 è stata condannata a pagare una multa da 2000 euro in qualità di amministratore delegato della cooperativa Agridoro. Pare infatti che la cooperativa avesse distribuito sul mercato merci alimentare mal conservate, alterate nella lavorazione o nocive. Addirittura, in alcuni casi, pare che gli alimenti fossero stati sottoposti a processi di lavorazione per mascherare il cattivo stato dei cibi.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.