Accordo di Governo, Beppe Grillo a Di Maio: “Basta punti della Standa”

Pd e Movimento 5 stelle continuano a lavorare per trovare un accordo di Governo. Conte è ottimista, e, tra martedì o mercoledì, dovrebbe sciogliere tutti i nodi.

Beppe Grillo
Beppe Grillo

Pd e Movimento 5 stelle continuano a lavorare per trovare un accordo di Governo. Conte è ottimista, e, tra martedì 3 o mercoledì 4 settembre, dovrebbe sciogliere tutti i nodi. Intanto arriva anche una lettera di Beppe Grillo a “Il fatto quotidiano“. In queste pagine il garante del Movimento interpreta le reazioni politiche al suo messaggio di sabato sera.

Accordo di Governo, il messaggio di Beppe Grillo

“Pur dal suo ottusismo, Zinga rispondeva a una delle tre teste che parlavano nel messaggio ‘Mai dire mai, Beppe – scrive Grillo -. Tre teste, sì. Una rivolta a Luigi, incazzata e ancora stupefatta per l’incapacità di cogliere il bello intrinseco nel poter cambiare le cose. Con i punti che raddoppiano come alla Standa“.

L’altra testa – conclude – era rivolta a tutto il mondo, che sa soltanto spettegolare malignamente, trattenuto della serra mediatica. Che l’Elevato trafora elevandosi a contenere tutti gli umori presenti, su su fino alla stratosfera della mente collettiva. Una terza mente incorporava la stanchezza di Conte, ma perché Conte è stanco? E l’unico che ha una casa dove andare, che possiede un filo conduttore interiore”.