Accordo di Governo tra M5s e Pd: Zingaretti si impunta su Conte

Il primo nodo da sciogliere in vista di un accordo tra M5s e Pd è quello di Conte. Zingaretti si è impuntato e non vorrebbe la conferma dell'ex Premier.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

Il primo nodo da sciogliere in vista di un accordo tra M5s e Pd è quello di Conte. Zingaretti si è impuntato e non vorrebbe la conferma dell’ex Premier. “L’Italia non capirebbe un rimpastone – dichiara – . Noi pensiamo che in un governo di svolta la discontinuità deve esser garantita anche da un cambio di persone”.

Accordo di Governo tra M5s e Pd

La trattativa tra i due partiti comunque non è chiusa. Tutto il contrario. “Noi faremo di tutto per trovare una soluzione positiva che ancora non si vede – continua il segretario del Partito democratico -. Una soluzione si troverà in un confronto reciproco, senza ultimatum”. Infine Zingaretti ha rivolto un appello ai 5 stelle “per verificare già domani se esistono le convergenze programmatiche”.

Mentre continua il braccio di ferro tra Di Maio e Zingaretti sul nome di Conte, si è sfilato dalla corsa per diventare Premier Roberto Fico. “A questo punto, serve una pausa”, sottolinea uno dei mediatori ‘giallorossi’ all’Adnkronos. Zingaretti intanto deve affrontare, sempre in merito al Conte bis, sia il fronte M5s che il pressing dei renziani. “Il segretario accetti la sfida del M5S, anche con Conte premier”, hanno fatto sapere fonti vicine all’ex premier che spingono per l’accordo.

Il Pd, o almeno una parte di esso, mantiene un certo ottimismo e ritiene che un accordo sia sempre possibile. “Bisogna dare il tempo al segretario di dire sì a Conte”, spiegano, parlando di una telefonata, ieri, tra Renzi e Zingaretti. Intanto, Franceschini ha voluto chiudere il partito dicendo che “parla solo Zingaretti”. Quindi staremo a vedere cosa avrà da dire.