Salvini attacca Toninelli e lo scontro si riaccende: «Non accetto più “no” sulla Tav»

Il commento di Matteo Salvini, in merito ai cantieri della Tav Torino-Lione, mina la stabilità del Governo. Si accende nuovamente la contesa.

Scontro Salvini Toninelli
Scontro Salvini Toninelli

Matteo Salvini ha parlato di ciò che è accaduto alla stazione di Firenze Rovezzano evidenziando un nuovo scontro con Danilo Toninelli. Si tratta, secondo quanto dichiarato dal leader della Lega, di «un atto violento contro tantissimi italiani, così come sono atti violenti quelli contro la Polizia e i cantieri della Tav. I cantieri Tav li andrò a visitare prestissimo perché è un’infrastruttura fondamentale e non sono più accettabili i “no”, i ritardi e i rinvii da parte del ministro Toninelli».

Scontro Salvini-Toninelli, cosa sta accadendo

«Non solo sulla Tav, ma mi risulta che ci sono decine e decine di opere pubbliche in tutta Italia, al Nord, al Centro e al Sud, ferme al ministero delle Infrastrutture. Se uno fa il ministro dei Trasporti deve lavorare per far viaggiare gli italiani, non per fermarli e lasciarli a piedi. Quindi, questa è una questione che bisogna superare immediatamente».

«Questo atto da criminali, da imbecilli, ha danneggiato il lavoro di migliaia di italiani, operai artigiani, commercianti, precari e poi – ha detto il ministro dell’Interno – con la violenza non si non si ottiene nulla, questo vale per la Tav, vale per Firenze ma vale per altri gesti dimostrativi. Spero che nulla rimanga impunito e che in Piemonte come in Toscana che ha sbagliato paghi e paghi fino in fondo, che non ci sia un giudice compiacente».