Finanziamenti Lega, Salvini: «Non troverete un euro fuori posto»

Matteo Salvini ha rilasciato un'intervista al "Corriere della Sera" per parlare delle accuse sui presunti finanziamenti russi alla Lega.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Si continua a parlare sui presunti finanziamenti russi alla Lega e sul caso “Metropol”. Sulla vicenda si è espresso il vice Matteo Salvini che è stato intervistato dal “Corriere della Sera”. «Non abbiamo visto, chiesto o preso un euro fuori posto. Sul fatto se Conte riferirà su Moscopoli me lo sono chiesto anche io. D’altronde, Conte ribadisce ogni giorno che è il presidente del Consiglio. Io non mi alzo la mattina dicendomi Matteo, sei Ministro dell’Interno. Detto questo, andrò in Parlamento a ribadire quello che ho sempre detto».

Indagato Meranda, Finanza a casa di Francesco Vannucci

La tensione si fa sempre più forte complice le varie indagini che dovranno accertare l’esistenza, o meno, di eventuali finanziamenti russi ricevuti dalla Lega. Al momento risulta indagato, secondo l’AdnKronos, l’avvocato Gianluca Meranda.

Finanziamenti russi alla Lega, le parole di Salvini

Sulla vicenda le dichiarazioni di Salvini sono lampanti. «Non c’è nessun presunto finanziamento e continuerò a sostenere questa tesi. Mi fido delle persone che mi sono vicine – ha detto riferendosi a Savoini e D’Amico -. Se poi qualcuno sbaglia, con me paga doppio. Sulla fantasia o sulle ipotesi io non condanno e non scarico nessuno. Attendiamo che si faccia sul caso e poi potremo parlare».

Sul caso ha parlato anche Giuseppe Conte e sul prossimo intervento in Parlamento. «È stato chiesto anche a me di riferire e io riferisco. Quando le forze parlamentari chiamano, il governo risponde per trasparenza nei confronti dei cittadini e dei loro rappresentanti. Ho una concezione sacrale del Parlamento e delle istituzioni».