Leader di Forza Nuova condannato a 4 anni di carcere

Giuliano Castellino, leader romano di Forza Nuova, è stato condannato a 4 anni di carcere. Aveva impedito con la violenza l'ingresso in una casa popolare a una famiglia etiope.

Leader Forza Nuova condannato a 4 anni
Leader Forza Nuova condannato a 4 anni

Giuliano Castellino, leader romano di Forza Nuova, è stato condannato a 4 anni di carcere. È accusato di aver impedito, assieme ad altri militanti, che venisse assegnato un alloggio popolare a una famiglia etiope. I fatti risalgono al 2017, Castellino e i suoi “compagni” provarono a impedire l’operazione con un fitto lancio di oggetti.

Leader di Forza Nuova condannato

Durante quegli scontri, tre esponenti delle forze dell’ordine furono colpiti alla testa e rimasero feriti. Furono arrestati in quattro, tra cui lo stesso Castellino. Quest’ultimo, alla lettura della sentenza, ha rivolto il saluto romano ad alcuni amici e parenti in aula. I suoi compari sono stati condannati rispettivamente a 4 anni, 3 anni e 3 anni e 4 mesi.

Clelia Bassano, la 52enne etiope coinvolta nello scontro, è stata sentita dall’Adnkronos: “Sbagliare è umano: il male e la prigione non li auguro a nessuno. Ci mancherebbe”. Il 27 settembre del 2017, il gruppo di Forza nuova riuscì a impedire alla donna, a suo marito e ai loro due figli l’ingresso nell’appartamento a loro regolarmente assegnato. “Tua moglie è nera – urlava la folla – andate via, vi conviene: qui non vi facciamo vivere”. Bassano continua: “Non sono soddisfatta della condanna: io volevo solo entrare in casa, non mi auguravo certo questo. Penso che a questo mondo siamo tutti uguali. Comunque quella casa l’ho rifiutata, per me stare lì sarebbe stato troppo pericoloso. Un anno fa ci hanno assegnato un altro appartamento a Valle Aurelia”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.