Scorte, arriva la stretta firmata Matteo Salvini

Matteo Salvini e i numeri delle scorte con i dati che vanno da giugno 2018 a giugno 2019. Quali sono le categorie più a rischio.

Finanziamenti russi alla Lega, perquisita casa di Vannucci
Finanziamenti russi alla Lega, perquisita casa di Vannucci

Il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha firmato una direttiva riguardanti le scorte. Le misure di protezione esistenti subiranno delle modifiche. I criteri saranno più rigorosi e prendono in esame le situazioni che necessitano di tutele personali. «Siamo impegnati per garantire la massima tutela per chi è davvero a rischio – afferma Salvini – ma siamo determinati a recuperare centinaia di donne e uomini delle Forze dell’Ordine per assicurare la sicurezza a tutti gli altri cittadini».

Matteo Salvini e il capitolo delle scorte

L’obiettivo di Salvini è «rendere più efficiente il servizio. Tutto questo vale per il personale ma anche per le risorse utilizzate. Questo è un atto amministrativo – dichiara Salvini – e non politico. I riscontri informativi saranno decide sulle scorte da appositi uffici che ne valuteranno la necessità e le varie esigenze».

I numeri sulle scorte

Alla data del primo giugno 2018, secondo i dati del Viminale, le misure ammontavano a 618. L’impiego del personale era di 2.218 a cui si aggiungono 230 agenti per la vigilanza delle abitazioni e dei luoghi di lavoro. Sono 434 le auto blindate e 266 le vetture definite non specializzate.

Al primo giugno 2019 le misure sono scese a 569 con un calo del 9%. Duecento unità in meno così come delle auto blindate utilizzate e del personale preposto per la sorveglianza di abitazioni e luoghi di lavoro. Per quanto riguarda le regioni spicca il Lazio con 209 tutele nel 2018 e 173 nel 2019. Subito dopo la Sicilia con 142 nel 2018 e 124 nel 2019.

Le categorie

Quelle più tutelate sono alti dirigenti dello Stato, diplomatici, giornalisti, imprenditori, magistrati e politici.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.