Caos Procure, Lotti: «Gli attacchi contro di me sono una violenza privata»

Luca Lotti ha parlato dello scandalo Csm e del caos che ha coinvolto le Procure. L'ormai ex ministro ha raccontato la propria versione dei fatti.

Scandalo Csm
Scandalo Csm

L’ex Ministro Luca Lotti ha commentato da Montecatini lo scandalo che ha colpito le Procure. Lotti ha espresso la propria idea durante l’incontro di Base riformista. «Nessuno può negare che siamo di fronte a una violenza privata. O io cosi l’ho vissuta. Non lo auguro a nessuno, nemmeno al mio peggior nemico. Ma io la mattina posso guardarmi allo specchio senza timore e imbarazzo, spero sia lo stesso anche per le persone che in questo mese hanno dato vita a questo strumentale festival di ipocrisia».

Luca Lotti e lo scandalo Csm

«Mi dispiace che il racconto di certe mie azioni abbia in qualche modo messo in imbarazzo la comunità del Pd e i nostri elettori – ha scandito Lotti -. Scusate per questo imbarazzo. Un imbarazzo, vorrei che però fosse molto chiaro, che è una conseguenza di quello che è stato raccontato, non certo di quello che è realmente successo».

«Ed è proprio alla nostra gente che vorrei dire con forza che mai, in nessun caso, ho commesso reati. Il mio agire non ha portato vantaggi personali. Mai. Nessun vantaggio personale, e di nessun genere. Nell’ultimo mese ho letto di tutto – ha spiegato Lotti – ogni giorno, anche stamattina, c’è stata un’interpretazione non autentica di frasi riportate o di pezzettini presi qua e là. Non è questo il momento di fare la ricostruzione dei fatti. Verrà un giorno in cui questa verità dovrà essere ristabilita e raccontata dall’inizio alla fine».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.