L’annuncio di Di Maio: «A breve vi saranno nomine di ministro e sottosegretari»

Luigi Di Maio, in un'intervista radiofonica, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito alle future nomine di ministri e sottosegretari.

(foto di repertorio)

In seguito all‘incontro tra Di Maio e Salvini, tenuto a Palazzo Chigi, il leader del Movimento 5 Stelle tratta i temi dell’attualità. L’incontro con il compagno di viaggio, in ambito politico, potrebbe aver messo la parola fine sulla diatriba generata nelle settimane precedenti alle elezioni europee, e non solo. Luigi Di Maio, intervistato a “Radio24”, ha dichiarato che a breve vi saranno le nomine «per il ministro per gli Affari europei e dei sottosegretari da dover rimpiazzare».

«Con Salvini – dichiara Di Maio – abbiamo avuto un incontro buono. Ci siamo detti che se andiamo avanti lo facciamo non per vivacchiare, ma per gli obiettivi che ci siamo dati. Abbiamo parlato di salario minimo, di abbassamento delle tasse e dell’atteggiamento che dobbiamo tenere con l’Europa».

Di Maio, analisi sulla questione Renault-Fca

Di Maio sostiene la linea di non intervento in merito alla trattativa, non andata a buon fine, per la fusione con la Renault. «L’interventismo di Stato ha provocato un fallimento. Nemmeno Renault è stata contenta. Si trattava di un’operazione di mercato importante che abbiamo rispettato, nonostante fossimo a contatto con i vertici di Fca».

Indagini sui politici

Di Maio, inoltre, commenta la vicenda riguardante Massimo Garavaglia: si tratta del sottosegretario di Stato al Ministero dell’Economia e delle Finanze. «Mi auguro che il viceministro sia innocente – dice il vicepremier -. Altrimenti auspico che lasci come successo con Rixi». E sul caso del primo cittadino di Legnano, accusato di corruzione, Di Maio dichiara: «Un caso come questo non sarebbe mai avvenuto nel Movimento 5 Stelle. Ne abbiamo avuto uno in 10 anni, lo abbiamo espulso e deve stare lontano da noi per chilometri».