Salvini ha davvero violato il silenzio elettorale?

Matteo Salvini è stato accusato anche domenica 26 maggio, giorno delle elezioni comunali ed europee, di aver violato il silenzio elettorale.

Salvini viola il silenzio elettorale?
Salvini viola il silenzio elettorale?

Ci risiamo, Matteo Salvini è stato accusato anche domenica 26 maggio, giorno delle elezioni comunali ed europee, di aver violato il silenzio elettorale. Lo sappiamo, il leader leghista è attivissimo sui social e non ha mancato di “condividere i suoi pensieri” nemmeno nel giorno del voto. Inoltre, Matteo Salvini è stato accusato di aver violato il silenzio elettorale anche sabato 25 maggio. Ma lo ha fatto veramente?

Salvini ha davvero violato il silenzio elettorale?

Iniziamo con il dire, innanzitutto, che la legge che regola il silenzio elettorale è molto vecchia, antecedente all’arrivo di internet per intenderci. Per questo, di fatto, non è un vero e proprio reato postare foto o post Facebook. Inoltre, se fosse un reato, il Ministro dell’Interno non sarebbe certo l’unico colpevole. In molti, nelle ore in cui gli italiani sono chiamati a esprimere le proprie preferenze, hanno condiviso foto o immagini che altrove non andrebbero condivise.

Eppure sicuramente c’è una differenza di stile tra Salvini e gli altri. Il primo, infatti, si è esibito in post molto più espliciti di quelli per esempio un po’ più “strategici” dei suoi avversari. Con post e tweet il Ministro dell’Interno ha invitato, nemmeno troppo velatamente, i suoi fan ha votare lega.

#OggiVotoLega, diffondiamo!”, ha scritto Twitter. “Avete la tessera elettorale? Se l’avete persa potete rifarla oggi in Comune. Oggi si vota anche per eleggere i sindaci di quasi la metà dei Comuni italiani, per il presidente della Regione Piemonte e per rinnovare due deputati in Trentino”. Difficile stabilire se lo può fare o meno, di certo, per correttezza, non avrebbe dovuto.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.