Catiuscia Marini, dimissioni respinte grazie al suo stesso voto

Catiuscia Marini vota contro le sue dimissioni da governatrice dell'Umbria dopo l'inchiesta sulla sanità in Regione. Ma la scelta non è piaciuta

Catiuscia Marini
Catiuscia Marini vota contro le sue dimissioni da governatrice dell'Umbria dopo l'inchiesta sulla sanità in Regione. Ma la scelta non è piaciuta

Catiuscia Marini si autoassolve, e in consiglio regionale vota contro le sue dimissioni da governatrice dell’Umbria. Anche grazie al suo voto infatti, la richiesta di dimissioni è stata respinta con 11 voti. Era stata la stessa Marini ad annunciare il passo indietro dopo l’inchiesta sulla sanità regionale, ma a quanto pare ha cambiato idea.

La decisione di Catiuscia Marini che non piace al Pd

E l’idea in questione non è piaciuta ai vertici del suo partito, il Pd. Tanto che il Presidente Paolo Gentiloni ha dichiarato che da certe scelte “non si deve né si può tornare indietro”.

Dal Nazareno erano già arrivati avvertimenti un paio di giorni fa, su come la pensassero i vertici. Che in una riunione a Roma avevano concordato sul fatto che nonostante “i risultati e le conquiste dell’azione di governo del centro sinistra in questi anni” ci fosse “la necessità di voltare nel migliore dei modi e nella piena condivisione una pagina difficile”.

Un voto complicato

Le cose comunque si stavano complicando da un po’, tanto che il voto del consiglio regionale era stato rimandato una prima volta, ma si era pensato di rinviarlo addirittura dopo le elezioni europee. E in effetti, giravano già voci secondo cui i tre quarti del consiglio fossero contrari alle dimissioni della Marini. Voci confermate nei fatti dal voto.

I commenti della politica

Il commento del Movimento 5 Stelle non si è fatto attendere, e si è concretizzato nelle parole del Vicepremier Luigi Di Maio, che ha affermato: “oggi è successa una cosa vergognosa e clamorosa”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.