Di Maio critica l’aereo di Renzi ma usa quello di stato per le elezioni

Il deputato Pd Gavino Manca ha accusato Di Maio di prendere un volo di stato per la campagna elettorale in Sardegna, ma il leader del Movimento ha subito smentito.

Luigi Di Maio, l'annuncio della nave Gregoretti
Luigi Di Maio

Luigi Di Maio, quando era all’opposizione, aveva criticato a lungo l’allora Premier Matteo Renzi per l’eccessivo uso dell’aereo di stato. Ora però, secondo quanto riporta NextQuotidiano, anche il leader del Movimento 5 Stelle starebbe usando l’aereo di stato, ma non per impegni istituzionali. Lo starebbe usando per la campagna elettorale.

Le denuncia di Gavino Manca

La notizia è saltata fuori dopo la denuncia del deputato del Pd Gavino Manca. Secondo l’Onorevole, infatti, Di Maio, per arrivare in Sardegna per i suoi comizi, avrebbe utilizzato un aereo militare della Presidenza del Consiglio.

“Aveva usato la macchina privata per andare al giuramento al Quirinale e ora sale su aereo militare della presidenza del Consiglio per fare campagna elettorale. Davvero un bel cambiamento per il ministro Di Maio, che sabato scorso ha usato questo mezzo per raggiungere la Sardegna”, ha scritto Gavino Manca.

La replica di Luigi Di Maio

Di Maio, dal canto suo, ha provato subito a smentire: “Ragazzi, quelli del Pd non ce la possono fare. È più forte di loro. Ci provano, insistono, ma niente. Ne fanno una dietro l’altra. Prima il loro nuovo tesoriere, che oggi fa mea culpa sulla loro proposta di legge per aumentare gli stipendi dei parlamentari e poi minaccia di querelarmi (un po’ kafkiano…), poi l’accusa di essere andato a fare campagna elettorale in Sardegna con un volo di Stato. Ebbene sì, lo confesso: all’aeroporto Capodichino di Napoli c’era un mio sosia. Anzi no, ve la dico tutta. Ero proprio io, ma sono saltato dall’aereo di linea a quello di Stato mentre eravamo in volo, a 10mila metri di altezza, dove ad aspettarmi c’erano ostriche e champagne e non potevo mancare! Ragazzi, quelli del Pd se non esistessero bisognerebbe inventarli!”.