Migranti, giudici contro Salvini: “Affermazioni che delegittimano la magistratura”

All'Associazione Nazionale Magistrati non sono piaciute le affermazioni di Salvini sulla sentenza che riguardava i migranti, poiché sono dichiarazioni che "delegittimano la magistratura"

Legittima difesa, la richiesta della Procura di Arezzo su Fredy Pacini

Il Tribunale di Bologna accoglie il ricorso di due richiedenti asilo per essere iscritti all’anagrafe e Matteo Salvini sbotta: “Sentenza vergognosa”. E aggiunge: “Se qualche giudice vuole fare politica e cambiare le leggi per aiutare gli immigrati, lasci il Tribunale e si candidi con la sinistra”.

La reazione dei magistrati

Ma le parole del Ministro dell’Interno non sono piaciute ai giudici. E, come riporta Fanpage, in una nota della Giunta esecutiva centrale dell’Associazione Nazionale Magistrati sottolineano: “I magistrati assumono le loro decisioni applicando le leggi. È legittimo commentare e anche criticare le decisioni giudiziarie”. Tuttavia fanno anche notare, affermazioni come quelle del Ministro “delegittimano la magistratura in quanto, in maniera del tutto infondata, alludono al fatto che le sentenze possano essere influenzate da valutazioni politiche”.

Le insinuazioni

E inoltre, sono dichiarazioni che insinuano che sulle scelte della magistratura in merito alle misure cautelari “incida una incomprensibile tendenza dei giudici a scarcerare i presunti autori dei reati”. Quando invece, spiega la nota, le decisioni si basano solo “sulla verifica della ricorrenza dei presupposti previsti dalla legge”.

A rendere ancora più gravi le insinuazioni, secondo l’Associazione, è che arrivino da una persona che “ricopre incarichi istituzionali”. E tra l’altro, proprio dal Ministro dell’Interno, che in questo modo, oltre a delegittimare il ruolo della magistratura , non contribuisce nemmeno “al dibattito pubblico e a fornire una corretta informazione ai cittadini”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.