Elio Lannuti e l’ennesima gaffe: “Il tricolore nato durante le lotte partigiane”

Elio Lannuti, Presidente onorario dell’Adusbef, si esibisce nell'ennesima gaffe. "Il tricolore nato durante le lotte partigiane".

Bandiera italiana
Bandiera italiana

Il Senatore Elio Lannuti incespica nell’ennesima gaffe sua e del suo partito, il Movimento 5 Stelle. Il presidente onorario dell’Adusbef ha fornito una versione della bandiera italiana che non si legge nei libri di storia. Così come in nessun altro libro. Per Elio Lannuti, infatti, la bandiera italiana sarebbe nata durante le lotte partigiane.

La gaffe di Elio Lannuti

“La bandiera della Repubblica italiana, nata dalle lotte sulle montagne dei partigiani, per liberare l’Italia dalla dittatura, riapparsa sotto mentite spoglie”. Ha scritto Elio Lannutti sul suo profilo Twitter, citando un articolo de La Verità sull’esortazione di Romano Prodi a esporre il vessillo europeo dalle finestre. Poi il senatore continua, dicendo che adesso siamo in una nuova dittatura da combattere: quella delle banche.

Ora, tutti, fatta eccezione dei politici, sanno che la bandiera italiana (come riporta Wikipedia e il sito del Quirinale, bastava andare a vedere) è nata a Reggio Emilia il 7 gennaio del 1797. La dittatura di di Mussolini e la Residenza sono ancora di là da venire e la Guerra del Peloponneso è finita da un po’ (giusto per dare al Senatore qualche altro riferimento storico).

Il nostro tricolore, che ormai si sventola purtroppo solo quando gioca la Nazionale, è nato quando il Parlamento della Repubblica Cispadana, su proposta del deputato Giuseppe Compagnoni, decreta “che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti’”. l’Italia come la conosciamo oggi ancora non è nata, ma il tricolore era già il simbolo dell’Italia fin dalla fine del 1800.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.