Elezioni in Basilicata, candidata Lega urla: “Io sono fascista”

Iniziato il conto alla rovescia per le prossime elezioni in Basilicata. Una scena che farà discutere viene ripresa dalle telecamere: "Se fascista vuol dire lottare per il popolo, io sono fascista".

Gerarda Russo e Matteo Salvini
Gerarda Russo e Matteo Salvini

Mancano pochi giorni alla elezioni regionali in Basilicata, adesso a diventare un caso sono le parole pronunciate, o meglio urlate da una candidata nelle liste della Lega durante un comizio a Melfi. Lei, Gerarda Russo, dal palco ha gridato: “Io sono fascista”.

La scena viene ripresa e la candidata tenta di spiegare le sue ragioni: “Se fascista vuol dire lottare per il popolo, io sono fascista”. Le frasi della Russo sono arrivate in risposta ad alcuni contestatori che hanno insultato i candidati chiamandoli più volte “fascisti”.

“Cosa farà Salvini?”

Il primo ad accusare la candidata alle elezioni regionali in Basilicata è stato Valerio Tramutoli, candidato alla presidenza della regione. Ha riferito che presenterà un esposto in procura per apologia di fascismo. L’accusa viene mossa anche dal sindaco di Melfi, Livio Valvano, che ha pubblicato uno spezzone del video incriminato. “Nel comizio della Lega a Melfi la candidata locale di Matteo Salvini, prima del suo intervento, dichiara con incredibile spudoratezza: ‘Io sono fascista’. Cosa farà adesso il ministro dell’Interno? Un altro selfie?”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.