Primarie Pd, risultati 2019: Zingaretti al 60% a spoglio in corso

La redazione di CiSiamo.info seguirà in diretta l’esito delle Primarie per eleggere il nuovo segretario del Partito Democratico.

Primarie Pd
Primarie Pd

Dalle 20.00 stiamo seguendo su CiSiamo.info l’esito delle votazioni per eleggere il nuovo segretario del Partito Democratico. Ottimi i numeri dell’affluenza per le primarie del PD. Adesso è iniziato lo spoglio, i primi risultati danno Zingaretti al 60%.

Alle 20.00 di domenica 3 marzo si è chiuso lo spoglio per eleggere il nuovo segretario del Partito democratico. Per ora filtra ottimismo tra gli esponenti dem. Il trend dell’affluenza delle proiezioni porta a immaginare un dato definitivo sopra al milione e mezzo di partecipanti. I risultati sono attesi per le 23.

Affluenza

Affluenza alle urne

Grande l’affluenza alle urne: secondo i dati comunicati dal comitato per Zingaretti, hanno votato alle Primarie del Pd più di 1 milione e 700mila persone. Un milione era, invece, il traguardo fissato dai candidati negli ultimi giorni di campagna elettorale, ma sembra essere stato ampiamente superato e quasi raddoppiato. Un dato che apre nuove interessanti scenari sulle sorti del Centro-Sinistra in Italia, soprattutto in previsione delle prossime elezioni europee.

I candidati

I tre candidati si erano già confrontati poche settimane fa. Adesso la parola passa agli elettori, già scesi in piazza e nelle strade. Alcuni temono che i votanti saranno pochi, altri invece prevedono una grossa partecipazione. Staremo a vedere.

Maurizio Martina

Maurizio Martina

Per tutti era il favorito. L’uomo prescelto. “Dobbiamo scrivere una nuova pagina del nostro impegno per il Paese. Senza strappare fogli scritti o tornare a vecchie letture – aveva dichiarato Maurizio Martina -. Si può fare rinnovando il nostro progetto con un riformismo radicale capace di ripartire da una visione della società dove nessuno rimanga indietro”.

Nicola Zingaretti

Nicola Zingaretti

Nizola Zingaretti ha potuto contare sul sostegno di volti d’eccezione. In particolare quelli di tre ex Premier: Prodi, Letta e Gentiloni. Ora, stando ai primi risultati, è sembra proprio lui in vantaggio.

I dati delle rilevazioni delle ultime settimane sono stati confermati dai primi dati emersi dai gazebo, con Zingaretti nettamente davanti a tutti gli altri candidati e oltre la soglia del 50%.

Roberto Giacchetti

Roberto Giachetti

Al contrario, Roberto Giacchetti poteva contare sul sostegno di Renzi e dell’ala renziana del partito. “Mi pare che da tutta Italia arriva la notizia che molta gente sta andando a votare e come ho già detto ieri penso che questo non sia solo un voto per il futuro del Partito democratico ma sarà un voto per il futuro del Paese”, aveva detto dopo aver votato. “Spero che l’epoca nella quale si fa la guerriglia a chi ha vinto sia definitivamente alle nostre spalle, anche perché se no chiudiamo il Partito democratico”.