Tofalo come Hitler, il suo video finisce nella bufera

Il sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, è finito nella bufera delle polemiche per un video pubblicato sulla sua pagina Facebook. Nel video utilizza la celebre scena di un film su Hitler, interpretato da Bruno Ganz, per postare una sua parodia.

Il sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo, è finito nella bufera delle polemiche per un video pubblicato sulla sua pagina Facebook. Nel video utilizza la celebre scena di un film su Hitler, interpretato da Bruno Ganz, per postare una sua parodia. “Non è un video simpatico – commenta il generale Giancarlo Trotta, presidente del Cocer Interforze – Di commenti ce ne sono tanti, evito di aggiungere altro e rimando alla riunione del consiglio convocata per martedì”.

“Alla vigilia di importanti cambiamenti l’ironia ci viene sempre in soccorso – ha scritto Tofalo nel post del video -. Dedicato a tutti gli uomini e le donne della Difesa, di ogni latitudine e di ogni grado”.

Il sottosegretario ha poi aggiunto anche un post scriptum: “Questo video, prima di pubblicarlo sul mio profilo, girava in tutte le chat della Difesa. Leggendo alcuni commenti mi accorgo che il Paese non è più abituato alla satira, sempre più spesso si preferisce coprire qualunque argomento con il velo dell’ipocrisia. Un saluto cordiale a tutti gli attori istituzionali che nei prossimi mesi saranno i protagonisti del cambiamento che il Parlamento sovrano vorrà realizzare. Buon lavoro a tutti, nella consapevolezza che tutti stiamo dando il massimo”.

Polemica social

Sul sottosegretario si è scatenata subito la polemica. E subito sul sottosegretario sono piovuti insulti. “Ci faccia un favore, si dimetta”, “inopportuno”, “lei si deve solo vergognare”, si legge nei commenti.

Qualcuno poi fa notare: “Lo sa che pubblicare un video dove richiama un carnefice come Hitler citando la rappresentanza militare offende non solo me e i miei colleghi, ma soprattutto il CODICE DELL’ORDINAMENTO MILITARE?”.

Non sono mancate nemmeno le dure critiche del mondo politico. È del tutto inadeguato che un sottosegretario, dunque un rappresentante dello Stato, pubblichi un video del genere sul suo profilo ufficiale. Prendiamo ovviamente le distanze da questa scelta, che viola la consueta e doverosa grammatica istituzionale” è quanto ha detto il Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta.

Richiesta di dimissioni

Maurizio Gasparri ha anche chiesto le dimissioni del sottosegretario. “Il video pubblicato sulla sua pagina Facebook dal sedicente sottosegretario Tofalo, già in passato al centro di polemiche, non può passare in silenzio. Chiederemo in ogni sede le dimissioni di chi ha offeso tutti quei militari che, in tanti anni, hanno rappresentato la base e dalla base sono stati democraticamente scelti”.

E ancora: “Tofalo, come un passacarte qualsiasi si è prestato al gioco di chi magari in tanti anni non è mai riuscito ad ottenere il consenso dei propri colleghi e oggi li denigra con un video offensivo anche della stessa divisa. L’utilizzo di Hitler poi come testimonial di questa squallida azione peggiora, se possibile, questo ignobile gesto. Esprimo la mia solidarietà a tutti i delegati Cocer che oltre al danno di non essere mai stati realmente ascoltati da Tofalo e dall’assente Ministro Trenta, si vedono anche derisi, sbeffeggiati e offesi. Ho già presentato una interrogazione al Ministro e chiederemo, con tutti gli strumenti a nostra disposizione, le dimissioni di chi occupa una posizione di cui non è degno”.

Anche il deputato Pd Emanuele Fiano ha chiesto le dimissioni del sottosegretario: “Tofalo deve rassegnare già oggi le sue dimissioni. Il suo video offende le istituzioni, le donne e gli uomini del nostro esercito e i loro rappresentanti, ai quali va la nostra totale stima e solidarietà. L’uso di Hitler è semplicemente vomitevole e rappresenta un affronto alla storia repubblicana e ai valori delle nostre forze armate. Purtroppo giocare con la storia e con la verità è prassi non nuova nella narrazione dei 5 Stelle”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.