Centro italo-arabo di Porta Palazzo, il M5S lo vuole fare chiudere

Dar Al Hikma è un centro culturale dedicato all'interazione tra L'Italia e il mondo arabo. Un centro italo-arabo fondato nel 2010 nel quartiere pluriculturale di Porta Palazzo.

Dar Al Hikma
Dar Al Hikma

Dar Al Hikma è un centro culturale dedicato all’interazione tra l’Italia e il mondo arabo. Un centro italo-arabo fondato nel 2010 nel quartiere pluriculturale di Porta Palazzo, a due passi da uno dei mercati più grandi e più colorati d’Europa. Ora, si apprende che il Movimento 5 stelle lo vuole fare chiudere.

Non si sanno ancora bene le motivazioni. Qualcuno dice che ha rendicontato di rado le attività, che non ha molti soci, che forse non è abbastanza multietnico. Ma, sopratutto, e questa è la motivazione che suona come la principale, sembrerebbe che non goda di recensioni positive su internet.

Dar al Hikma

Il Movimento 5 Stelle ha deciso di dichiarare guerra al centro italo-arabo di via Fiocchetto, uno dei simboli della Torino multietnica e del tentativo di rigenerazione di Porta Palazzo. Aperto vent’anni fa dall’Associazione Dar al Hikma (in arabo casa della sapienza), negli anni è diventato un punto di riferimento del multiculturalismo.

Nel centro hanno trovato spazio corsi di lingua e cultura araba, di italiano per stranieri, e molte altre iniziative, tutte che ruotano intorno al tema del dialogo tra culture e fedi diverse. È un luogo aperto, riconosciuto e “sponsorizzato” tanto dalla comunità cattolica quanto da quella ebraica.

Nel centro ci sono una sala per laboratori, una biblioteca, un’aula per seminari e lezioni, un salone polivalente e pure un ristorante e un hammam tradizionale. Tutti luoghi frequentati da cittadini di origine straniera e da italiani.

Ai 5 stelle non piace

Ai 5 Stelle però il centro proprio non piace. Non c’è verso. Hanno letto troppe recensioni negative per farselo piacere. La vice presidente del Consiglio comunale Viviana Ferrero e il consigliere Fabio Gosetto hanno depositato un ordine del giorno con cui chiedono all’amministrazione di sospendere la procedura per il rinnovo della concessione ottenuta nel 1998 e scaduta a fine 2018.

L’Associazione Dar al Hikma ne ha chiesto il rinnovo come è consuetudine per tutte le associazioni, enti, società sportive che utilizzano spazi della Città. Ma il Movimento 5 Stelle vuole un nuovo bando. Vuole che gli spazi vengano destinati a una o più associazioni che si occupano di “integrazione, inclusione, partecipazione, di tutte le comunità di lingua araba e cultura islamica presenti sul territorio torinese con modalità di gestione trasparenti e condivise con l’amministrazione”. Prestare particolare attenzione all’ultimo punto: condivise con l’amministrazione.

“Recensioni pessime”

Una delle ragioni, come abbiamo già accennato, per cui i 5 Stelle voglio chiudere il centro è perché “sul web si leggono recensioni pessime”. Forse queste recensioni le ha fatte qualche cliente del ristorante uscito poco soddisfatto, o forse le ha fatte qualcuno che non aveva nient’altro di meglio da fare se non accendere il computer e scrivere immaginando di essere Carlo Cracco.

Comunque, che sia un argomento sufficiente per chiedere la chiusura del centro è cosa dubbia. “È la prima volta che sento citare le recensioni su Internet. Spero si usino strumenti più seri e degni della dignità del Consiglio comunale”, protesta Silvio Magliano dei Moderati. Mimmo Carretta del Pd invece spiega: “Quel luogo da vent’anni è cuscinetto delle tensioni sociali della zona”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.