Lannutti e il tweet sui Savi di Sion: denunciato per diffamazione

Dopo la pubblicazione di un tweet riguardante i Protocolli dei Savi di Sion, il Senatore Cinquestelle Elio Lannutti è indagato dalla Procura di Roma per diffamazione aggravata dall'odio razziale.

Elio Lannutti
Elio Lannutti indagato per diffamazione aggravata dall'odio razziale

Elio Lannutti è attualmente indagato per diffamazione aggravata dall’odio razziale. Il provvedimento al senatore è partito dalla Procura di Roma. A tal proposito anche Enrico Mentana si era espresso per commentare le parole di Lannutti. La decisione è giunta dopo una denuncia della Comunità ebraica romana guidata dal Presidente Ruth Dureghello.

Cosa ha scritto Elio Lannutti

L’esponente del Movimento Cinque Stelle ha scritto un tweet con il quale aveva rilanciato il falso storico relativo ai “Protocolli dei Savi di Sion”.

Cosa sono i “Protocolli dei Savi di Sion”

I Protocolli dei Savi di Sion sono un falso documentale che venne creato nei primi anni del Novecento in Russia dalla polizia segreta zarista per fomentare l’odio verso gli ebrei nell’Impero russo.
Il documento fu realizzato in forma di documento segreto attribuito a una fantomatica cospirazione ebraica e massonica. L’obiettivo del complotto sarebbe stato quello di impadronirsi del mondo. La falsità del documento è stata comprovata già nei primi anni dopo la pubblicazione, ma negli ambienti antisemiti e antisionisti ebbe comunque ampio seguito.

La denuncia di Ruth Dureghello

In un’ intervista al Corriere della Sera, Dureghello aveva annunciato la denuncia: «La sua citazione, con un tweet, dell’infame falso storico dei Protocolli di Sion è gravissimo per molti motivi. Viene da un rappresentante delle istituzioni» aveva detto Dureghello «Ed è dilagato sui social: un
elemento che innegabilmente produce un ulteriore aggravio di responsabilità per la vasta diffusione che ha avuto
».

La replica di Lannutti

Lannutti si era giustificato: «Ho pubblicato un link sui banchieri Rothschild, senza alcun commento. Poiché non avevo alcuna volontà di offendere alcuno, tantomeno le comunità ebraiche od altri, mi scuso se il link ha urtato la sensibilità. Condividere un link non significa condividere i contenuti, da cui comunque prendo le distanze. Ci tengo a sottolineare che non sono, né sarò mai antisemita».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.