Protesta gilet gialli, Chalençon: «Dialogo proficuo con l’Italia»

Christophe Chalençon è uno dei leader dei gilet gialli. Le parole del francese rilasciate all’AdnKronos. Diversi i temi toccati.

Christophe Chalençon
Uno dei leader dei gilet gialli in Francia, Christophe Chalençon

Christophe Chalençon, uno dei leader dei gilet gialli, nonché ex portavoce della lista “Ralliement d’initiative citoyenne”, ha incontrato negli scorsi giorni Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. Ecco le parole rilasciate all’AdnKronos.

I gilet gialli e il Movimento Cinque Stelle

«Vogliamo convintamente continuare il dialogo con il Movimento 5 Stelle. Vogliamo che sia un dialogo costruttivo. È chiaro che se riusciremo a fare eleggere dei rappresentati al Parlamento europeo saremo vicini a Di Maio, più che a chiunque altro». Chalençon potrebbe giunto presto in Italia per incontrare gli esponenti del Movimento Cinque Stelle.

Chalençon, sguardo all’Italia

La crisi politica, scoppiata dopo il richiamo dell’Ambasciatore della Francia in Italia per le consultazioni, non lo preoccupa più di tanto. «È perfetto e di questo ne siamo molto felici. È la prima volta da tre mesi che scuotiamo Macron. Me ne rallegro. Il Movimento 5 Stelle – sottolinea – cercava delle connessioni con il movimento dei gilet gialli. Alcuni esponenti hanno rifiutato di incontrarli, io ho accettato».

«Ho pensato che era un’ottima opportunità – continua Chalençon – per capire come avevano strutturato il loro movimento e come erano riusciti in meno di 10 anni ad accedere al potere. Eravamo anche interessati a capire il loro posizionamento politico esatto, in particolare rispetto alla Lega, perché in Francia si fa una confusione con l’estrema destra».