Diciotti e Salvini, momento di riflessione per esponenti M5S

La linea da seguire, in seno al Movimento Cinque Stelle, non è stata ancora definita. Diverse ipotesi all'orizzonte sul caso Diciotti e Matteo Salvini.

Matteo Salvini
Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini

Diverse problematiche, in seno al Movimento Cinque Stelle, sulla linea da mantenere nell’ambito della questione sul caso della nave Diciotti. Molteplici esponenti si interrogano se occorra salvare o meno il Ministro dell’Interno Matteo Salvini dal processo al Tribunale dei Ministri. Al momento, però, la decisione non è stata ancora presa. Nessuna direttiva, infatti, è giunta sul tavolo dei pentastellati.

La posizione di M5S sul caso Diciotti

I senatori 5Stelle si sono riuniti a Palazzo Madama nella giornata di lunedì per fare il punto in merito alle scelte da prendere in seno al Governo. Non si esclude, in ogni caso, un’ipotesi di voto attraverso la piattaforma Rousseau. Alcuni, però si dicono contrari al voto degli iscritti al M5S su Rousseau. «Non è stata presa alcuna decisione – dice senatore Mario Giarrusso –, abbiamo semplicemente esposto la situazione».

Nel frattempo è prevista la memoria difensiva di Matteo Salvini. Il Ministro dell’Interno, infatti, farà pervenire un documento in Giunta con le dovute autorizzazioni per procedere in Senato nei prossimi giorni.

La posizione del Ministro Bongiorno

Il Ministro della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno, si è così espressa. «C’è una compattezza nel Governo che deriva dal fatto che le scelte fatte da Salvini non sono fatte da privato. Sono le scelte fatte dal Governo».

«Salvini sta presentando una memoria di natura tecnica – dichiara la Bongiorno – e poi, come di consuetudine, farà un intervento in aula. Nella memoria che Salvini presenterà sarà documentata la finalità istituzionale».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.