Coronavirus, annullato il Salone dell’Auto di Ginevra

Ai visitatori che avevano acquistato il biglietto sarà garantito il rimborso

Salone di Ginevra
Foto: Flickr

Dietrofront degli organizzatoi del Salone di Ginevra, che solo pochi giorni fa avevano confermato il via della manifestazione, prevista quest’anno dal 5 al 15 marzo. I primi casi in Svizzera (al momento sono nove) hanno però spinto le autorità governative ad annullare l’evento: il governo svizzero federale ha ordinato oggi a Berna l’annullamento di tutte le manifestazioni con più di 1000 persone.

Il divieto entra in vigore immediatamente e vige almeno fino al 15 marzo 2020, come ha riferito oggi l’agenzia di stampa svizzera Keystone-Ats. Non si potranno quindi tenere, in particolare, il carnevale di Basilea e la manifestazione dedicata agli appassionati di motori.

Al salone di Ginevra di quest’anno erano attese circa 100 anteprime mondiali tra cui la Fiat 500 elettrica, la versione definitiva dell’Alfa Romeo Tonale e il Suv di segmento B della Toyota.

Garantito il rimborso

Non essere presenti in una kermesse importante come quella elvetica, la più importante per il nostro Continente, è certamente un dispiacere, ma gli organizzatori puntano a ridurre il più possibile i disagi.

“La salute di tutti i partecipanti è per noi e per gli Espositori assolutamente prioritaria. Si tratta – ha spiegato – di un caso di forza maggiore. Per gli espositori, che hanno investito essere presenti a Ginevra, è una perdita grave. Siamo però convinti ha concluso – che tutte le persone coinvolte comprenderanno questa decisione”.

I biglietti d’ingresso già venduti verranno rimborsati. Gli organizzatori forniranno nella pagina web tutte le informazioni.