Russia: estese le misure del lockdown fino all’11 maggio

Non è ancora arrivato il picco di contagi in Russia. Ad affermarlo il Presidente Vladimir Putin. Attualmente la Russia è l'ottavo Paese al mondo per numero di casi.

Francia Coronavirus
Uno scatto dal Moscow Times

La Russia non avrebbe ancora raggiunto il picco di contagi. E il presidente Vladimir Putin corre ai ripari. Putin ha annunciato l’estensione del lockdown fino al prossimo 11 maggio e ha chiesto al governo di predisporre un piano di misure urgenti in sostegno dell’economia e dei cittadini.

Putin: “Il picco non è stato raggiunto”

Repubblica riporta che, in un discorso al Paese, il Presidente russo ha precisato che le misure saranno introdotte gradualmente: “La situazione resta molto difficile. Gli esperti e gli scienziati con i quali siamo in costante contatto per verificare piani e misure dicono che il picco non è ancora stato raggiunto”.

Il numero uno del Cremlino ha dato istruzione al governo di iniziare a sviluppare un piano ad ampio spettro per riportare alla normalità la vita del Paese e assicurare la ripresa del lavoro e della crescita economica. “L’obiettivo strategico di questo piano nazionale di azione non è solo di stabilizzare la situazione. Ma anche assicurare cambiamenti strutturali di lungo periodo all’economia russa”, ha spiegato Putin.

I numeri del Coronavirus in Russia

All’inizio del contagio, la Russia sembrava aver contenuto meglio di altri paesi i numeri dei casi da COVID-19 (ne avevamo parlato qui). A partire dalla fine di marzo, però, i numeri erano cresciuti molto (soprattutto nella città di Mosca) e il Governo aveva messo in atto una strategia politica volta a contenere i numeri. Attualmente, secondo quanto riporta la Johns Hopkins University, le persone malate sarebbero circa 93 mila. I decessi 867.