Coronavirus: in Francia una prudente Fase 2

Dall'11 maggio la Francia entrerà nella fase 2. In modo molto prudente: ecco cosa cambierà nel Paese.

Macron e Philippe. Da ilfigliettone.it
Macron e Philippe. Da ilfigliettone.it

“Se gli indicatori non saranno rispettati, non faremo nessuna riapertura l’11 maggio”. Non ha dubbi la Francia: il Coronavirus resta ancora una minaccia.

Il piano di riapertura in Francia

Il premier francese, Edouard Philippe, ha presentato il piano di riapertura in Parlamento. In base al livello dei contagi i dipartimenti verranno divisi in zone “verdi” e “rosse”. La “fase 2″ secondo il governo francese durerà dall’11 maggio al 2 giugno, quando si entrerà in una “fase 3”, ha aggiunto Philippe. “Alla riapertura dell’11 maggio saremo in grado di effettuare test di massa, 700.000 test virologici alla settimana” ha detto il premier, ripreso dall’ANSA, spiegando che “tutte le persone che hanno avuto un contatto con dei positivi saranno invitati a testarsi e a mettersi in isolamento”.

“Obiettivo finale – ha detto – è consentire di isolare al più presto i portatori del virus. Non è una punizione, ma una protezione: tutto deve essere ampiamente fondato sul civismo di ognuno”. 

Il premier, nel corso dell’intervento all’Assemblea Nazionale per presentare il piano di uscita dal confinamento contro il COVID, ha garantito che in Francia ci saranno “abbastanza mascherine per far fronte ai bisogni a partire dall’11 maggio”. Dinanzi al rischio pesantissimo di penuria, in Francia le mascherine erano riservate al personale sanitario e ad alcune categorie molto specifiche della popolazione.

Cosa succederà nelle scuole?

Secondo informazioni rivelate da Bfm-tv, le scuole francesi potrebbero restare chiuse almeno fino al mese di giugno. Il presidente Macron aveva dichiarato, in un primo tempo, che avrebbero riaperto progressivamente dall’11 maggio, con la fine delle misure di rigido confinamento decretate da quasi due mesi, il 17 marzo. Si aspettano ora conferme da parte del Governo.