Coronavirus, anche la Francia di Macron si prepara alla Fase 2

Fase 2, anche la Francia è pronta: domani i deputati francesi ne discuteranno e metteranno al voto le misure pratiche da adottare. Critiche dalla minoranza: "troppo poco tempo per studiare il testo".

Emmanuel Macron a Roma
Emmanuel Macron, Presidente della Francia

Il governo francese illustrerà domani la codiddetta ‘fase 2’ per l’uscita del Paese dal lockdown. I dettagli del piano, al quale stanno lavorando il presidente Emmanuel Macron ed il primo ministro Edouard Philippe, saranno annunciati all’Assemblea nazionale domani, martedì 28 aprile, alle 15.

Francia: le indiscrezioni sulla Fase 2

In concreto, il piano per la ‘fase 2’ è composto da misure pratiche in sei aree specifiche: salute pubblica, riapertura delle scuole, ritorno al lavoro, imprese, trasporti ed attività culturali e religiose. Le nuove misure saranno accompagnate da un’app di tracciamento dei contatti che dovrebbe essere pronta dall’11 maggio.

Il comitato tecnico-scientifico, scrive la stampa francese, ha espresso particolari riserve sulla proposta di Macron di riaprire progressivamente le scuole a partire dall’11 maggio. Il comitato ha consigliato di ripartire a settembre, sottolineando tuttavia che si tratta di una “decisione politica”.

Come in Germania, anche il governo francese ha detto che durante la ‘fase 2’ sarà obbligatorio indossare la mascherina in pubblico. Per tutti, inoltre, sia disponibile il gel disinfettante per le mani.

Le ipotesi che la fine del lockdown avvenga su base regionale e avendo come parametro l’età delle persone sono state categoricamente smentite dal governo nei giorni scorsi. Le misure per sbloccare il Paese resteranno in vigore fino a metà luglio e saranno riconsiderate in caso di un’eventuale nuova ondata di coronavirus.

Attualmente, secondi i dati della Johns Hopkins University, la Francia è il quarto paese al mondo per numero di contagi. I positivi al COVID-19 sarebbero oltre 162 mila.

Dalla minoranza piovono critiche

Dopo l’illustrazione del piano per la Fase 2 da parte del Governo seguirà dibattito e un voto dei deputati. L’opposizione, riporta il sito di informazione Adnkronos, ha espresso irritazione per le poche ore a disposizione per discutere il piano ed insiste sulla necessità che le sia concesso almeno un giorno per dare una risposta articolata. Sul piede di guerra contro la gestione Macron è Marine Le Pen. E relativamente al Coronavirus, non è la prima volta.