Polemiche in Svezia sulla gestione Coronavirus: superati i 1200 decessi

In Svezia sono morte in 24 ore 170 persone. E ora piovono critiche su come il governo svedese ha affrontato l'emergenza COVID-19.

Sono molti i Paesi costretti a confrontarsi con l’incubo Coronavirus. Tra questi c’è anche la Svezia che, secondo gli ultimi aggiornamenti, avrebbe superato i 1.200 decessi da Coronavirus.

Solo nelle ultime 24 ore sono morte altre 170 persone e il numero totale ufficiale è pari a 1.203 unità. Adesso nell’occhio del ciclone c’è anche il governo, che è stata accusato di aver attuato misure troppo poco rigide.

Svezia: virologi e ricercatori criticano il governo

Piovono critiche su come il governo svedese ha affrontato l’emergenza COVID-19. Le autorità sanitarie indicano un tasso di mortalità di 101 per milione di abitanti, rispetto al 51 della vicina Danimarca e agli appena 11 decessi per milione di abitanti registrati in Finlandia.

Il tasso di mortalità svedese è significativamente più alto anche di quello della Germania, che registra 37 decessi per milione di abitante e addirittura degli Usa, il Paese più colpito al mondo, che al momento registra 79 decessi per milione di abitanti.

Martedì, riporta Adnkronos, un gruppo di 22 medici, virologi e ricercatori ha criticato apertamente le autorità sanitarie di Stoccolma con una lettera aperta pubblicata sul quotidiano Dagens Nyheter. “L’approccio deve cambiare radicalmente e velocemente”, hanno scritto, chiedendo misure di contenimento più rigide, sulla scia di quelle adottate in altri Paesi europei.