Coronavirus, negli Stati Uniti oltre 1000 morti in 24 ore: male New York

Non si ferma il Coronavirus: negli Stati Uniti si sfiora la cifra dei 250 mila positivi. Intanto Trump annuncia: "Stiamo facendo 100 mila tamponi al giorno, nessun Paese come noi".

Il Coronavirus a New York. EPA/JUSTIN LANE

Continua a crescere il Coronavirus nel mondo. In questi ultimi giorni sono gli Stati Uniti d’America il Paese più colpito. Secondo gli ultimi dati, il numero dei contagi sfiorerebbe la cifra di 250 mila persone.

I dati: negli Stati Uniti 1169 vittime di Coronavirus nelle ultime 24 ore

Nella mattina di oggi, 3 aprile, i numeri aggiornati della Johns Hopkins University parlano di 1.016.128 persone che a livello globale hanno contratto il Covid-19 e di 53.146 decessi. Il triste primato sul numero dei decessi spetta all’Italia (13.915 vittime), mentre i numeri peggiori in termini di contagio si registrano oltreoceano, negli USA (245.540).

Con 1.169 vittime nelle ultime 24 ore, gli Usa hanno ora il triste primato del maggior numero di decessi in un giorno dall’inizio della pandemia. Dati alla mano, negli States si registrano circa 6000 decessi, dei quali ben 1500 nello stato di New York, l’area più colpita.

Su Twitter, de Blasio e Cuomo: “state a casa”

Il sindaco della città che non dorme mai, Bill de Blasio, ha chiesto – tramite Twitter – ai newyorchesi di rimanere in casa o di uscire con tutte le precauzioni necessarie.

Continui inviti di evitare gli assembramenti arrivano anche dal governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo.

Coronavirus, negli Stati Uniti 100 mila tamponi al giorno

Intanto la Casa Bianca fa sapere che continua il lavoro di tamponi a tappeto tra i cittadini. “Ora facciamo 100mila test al giorno, più di ogni altro Paese al mondo in relazione alla popolazione”, ha annunciato Donald Trump durante una conferenza stampa.