Rafforzata la protezione a Fauci, l’immunologo che corregge Trump

Rafforzata la protezione a Fauci, l'immunologo che corregge Trump. Il medico ha ricevuto minacce da ambienti di estrema destra

Rafforzata la protezione a Fauci, l’immunologo che corregge Trump. Le misure di sicurezza a protezione del dottor Anthony Fauci, l’infettivologo Usa, membro della task force contro il coronavirus istituita dalla Casa Bianca, che nei briefing a Washington sul coronavirus non si fa pregare per correggere il presidente Donald Trump, sono state rafforzate dopo le minacce ricevute dal medico 79enne di origine italoamericana.

Fauci è diventato una specie di icona negli Usa perché pacatamente e regolarmente interviene per porre rimedio alle esagerazioni – e a volte alle vere e proprie fake news- del presidente durante i briefing quotidiani sul Covid-19. Ma ha anche iniziato a ricevere minacce dall’estrema destra, nonché tentativi di approccio inopportuni da parte di ammiratori privi di self control. Il virologo gode suo malgrado di grande notorietà in queste settimane durante le quali è diventato il volto della comunità scientifica statunitense che affronta il coronavirus. Ma è stato preso di mira da molti blogger e commentatori di estrema destra. A sentire il blog American Thinker sarebbe “un servo del deep state pazzo per la Clinton”.

Rafforzata la protezione a Fauci, l’immunologo che corregge Trump

Ieri sera al briefing il dottore non ha commentato la notizia rilanciata dal Washington Post secondo la quale è sotto scorta. Trump ha detto la sua: “Fauci non ha bisogno di scorta, tutti lo amano”, e se qualcuno dovesse attaccarlo “finirebbe in un mare di guai” ha affermato il presidente, ricordando il passato atletico del medico che “era un grande giocatore di basket alle superiori. Un po’ bassino per l’Nba ma pieno di talento”. Neppure il dipartimento della Sanità ha voluto confermare che Fauci sia sotto scorta.