Coronavirus, Trump fa retromarcia: tutto chiuso fino al 30 aprile

Ci ripensa Donald Trump: gli Stati Uniti non ripartiranno per Pasqua. Intanto i numeri di contagi e decessi per Coronavirus continuano a crescere.

Donald Trump avverte l’Iran
Donald Trump (foto repertorio)

Fa retromarcia il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump a proposito del Coronavirus. Il Presidente USA ha infatti annunciato che le misure straordinarie per contenere il virus non solo continueranno, ma accompagneranno lo stile di vita degli americani (almeno) fino al 30 aprile.

Coronavirus: negli Stati Uniti, Donald Trump proroga le misure straordinarie fino al 30 aprile

Solo pochi giorni il Presidente Trump fa aveva detto che gli Stati Uniti sarebbero ripartiti a Pasqua. Adesso torna sui suoi passi e proroga tutte le misure restrittive fino al 30 aprile. Il motivo? I numeri delle vittime e dei contagi negli USA a causa del COVID-19, il virus arrivato da Wuhan e ora diffuso in modo capillare in molti paesi del mondo.

“Niente sarebbe peggio che dichiarare la vittoria prima della vittoria”, ha detto parlando dal Giardino delle Rose della Casa Bianca. Per poi continuare, “nelle prossime due settimane prevediamo il picco dei morti. La data che ci porterà sulla via del recupero è quella del 1 giugno, cioè tra 8 settimane”.

I numeri

Il numero dei contagi è impressionante negli Stati Uniti. Secondo i dati riportati da Il Sole 24 ore, a ieri, domenica 29 marzo, il conto dei casi confermati nel paese era salito a quota 135.738 persone positive in tutti i 50 stati Usa. Almeno 2.391 i morti a causa del virus. Sempre secondi i dati, almeno 20 stati americani hanno oltre mille casi confermati.

New York resta lo stato più colpito dalla pandemia. Il governatore Andrew Cuomo ha detto che il numero totale di casi nello stato è salito a 59.513 persone, con una crescita di 7.200 casi rispetto al giorno precedente (si fa riferimento a sabato 28 marzo, ndr).

Più della metà, pari a 33.768 persone, sono nella città di New York. Il numero di morti nello stato ha superato quota mille, con un aumento di 272 vittime nelle ultime 24 ore. E’ il maggiore incremento giornaliero di morti da quando l’epidemia è iniziata.