Gran Bretagna: “Autoisolamento per chi arriva dal Nord Italia”

In Gran Bretagna la quarantena è obbligatoria per chi proviene dai comuni italiani isolati.

Gran Bretagna
Gran Bretagna

Anche la Gran Bretagna reagisce alla catena di contagi in Italia, dopo la circolare dell’Europarlamento e le misure stabilite dalla Francia. Fissate delle regole severe per chi proviene da Lombardia e Veneto. Imposto “l’auto-isolamento” per 14 giorni a scopo precauzionale a tutti coloro che arrivano arrivano dal nord e che presentano sintomi “anche leggeri” di coronavirus.

La quarantena obbligata vale anche per chi non ha sintomi di sorta, per lo stesso periodo di tempo. Per tutti coloro che arrivano dai paesi della Lombardia e del Veneto isolati su decisione del governo italiano. Intanto un albergo a Tenerife, dove risiedeva il turista italiano risultato positivo al test del coronavirus, è stato messo in quarantena. All’interno oltre mille persone.

Gran Bretagna: quarantena anche senza sintomi

La quarantena anche in assenza di sintomi è estesa dal governo britannico. Oltre che a chi arriva dalla provincia cinese dell’Hubei, epicentro dell’infezione da coronavirus, anche a tutti coloro che sono arrivati a partire dal 19 febbraio dall’intero Iran. Anche dalle aree della Corea del Sud indicate da Seul a rischio e dalle aree “In isolamento dell’Italia settentrionale così come indicato dal governo italiano”.

Mentre la quarantena in caso di sintomi di qualunque entità, viene estesa per chi sia arrivato nel Regno dal 19 febbraio da tutta l’Italia settentrionale. Oltre che da Vietnam, Cambogia, Laos e Myanmar. All’interno del Regno Unito Foreign Office dichiara che finora hanno sottoposto al test 6536 persone in totale per sospetti da coronavirus, con 9 casi positivi e 6527 negativi.