Voto storico in Svizzera che dice “NO” all’omofobia

Con il 63% dei voti in Svizzera gli elettori si sono espressi a favore della legge che rende illegale la discriminazione delle persone sulla base del loro orientamento sessuale.

Svizzera omofobia
Svizzera approva la legge anti-omofobia

Oggi, in Svizzera, gli elettori hanno approvato la nuova legge contro l’omofobia e le discriminazioni basate sull’orientamento sessuale. Il Sì del referendum, chiesto da un partito conservatore contrario alla legge, ha vinto con il 62%. Ciò secondo le proiezioni dell’istituto gfs.bern pubblicate poco dopo la chiusura dei seggi.

Svizzera, approvata la legge anti-omofobia

La revisione di legge è stata approvata dal Parlamento e appoggiata dal governo. Introduce esplicitamente nel Codice penale il divieto della discriminazione basata sull’orientamento sessuale e mira a proteggere le persone Lgbt.

Si tratta di un’estensione della norma penale che punisce chi con atti o dichiarazioni discredita pubblicamente una persona o un gruppo di persone sulla base di razza, etnia o religione. L’Unione democratica federale, piccolo partito di matrice cristiana conservatrice, ha lanciato un referendum invocando la libertà d’espressione.
Stando ai sondaggi la modifica gode del sostegno di circa il 65% degli elettori.

Elena Siotti
Sono Elena, ho 22 anni e frequento il terzo anno della facoltà di scienze della comunicazione presso l'Università degli Studi dell'Insubria. Poter scrivere per Ci Siamo.info rappresenta per me un grande traguardo e spero che sia il primo di tanti altri.