Stato Unione, Donald Trump: “Usa mai così forti”

"Abbiamo raggiunto risultati incredibili, e il nostro Paese è di nuovo rispettato nel mondo". Afferma il presidente Trump nel suo intervento sullo stato Unione

Muro di Trump
Donald Trump

Donald Trump fa il suo discorso sullo stato dell’Unione davanti a un Congresso americano sempre più diviso sul suo impeachment. “Il nostro Paese non è mai stato così forte”, dice. “In appena tre anni abbiamo sconfitto il declino dell’America”. Dichiara il presidente Usa in quella stessa aula dove è stato messo in stato di accusa dai democratici e parlando per la prima volta davanti ai suoi accusatori. 

Consapevole che nelle prossime ore sarà assolto dal Senato e che l’incubo dell’impeachment sarà una volta per tutte superato. I repubblicani applaudono ad ogni punto del discorso in cui il tycoon snocciola tutti i suoi successi. Per citarne alcuni: l’accordo commerciale con la Cina, il boom dell’economia fino alla realizzazione del muro col Messico.

Donald Trump: le parti più importanti del suo discorso sullo stato dell’Unione

“Io mantengo le mie promesse, come quelle sul commercio con gli accordi con la Cina e quello col Messico e il Canada”. Assicura: “Il meglio deve ancora venire”.

“Non lascerò che il socialismo distrugga l’America”, ha dichiarato. Ad assistere al discorso, anche il britannico Nigel Farage e l’autoproclamatosi presidente ad interim del Venezuela Juan Guaidò. Nel discorso Trump lo ha definito “presidente legittimo”.

ll clima è ben lontano dall’essere bipartisan. A testimoniarlo anche la mancata stretta di mano, poco prima dell’inizio del discorso, tra Trump e la speaker della Camera Nancy Pelosi. E’ stata più volte inquadrata alle spalle del tycoon mentre scuote la testa o sembra deridere le parole del presidente.

Lei lo aveva accolto in aula senza ricorrere alla consueta formula “è un mio onore e privilegio introdurre il presidente degli Stati Uniti”. Ancor più clamoroso Pelosi con un gesto di stizza viene inquadrata mentre strappa la copia del discorso sullo stato dell’Unione che le era appena stata consegnata dal presidente. “L’ho strappata? E’ stata la cosa più cortese, considerando quali potevano essere le alternative”, ha dichiarato ai cronisti alla fine della serata.