Brexit 31 gennaio, Johnson: “L’alba di una nuova era”

Venerdì 31 gennaio la Brexit è divenuta realtà e la Gran Bretagna è uscita ufficialmente dall'Unione europea.

Brexit 31 gennaio
Brexit 31 gennaio

Venerdì 31 gennaio la Brexit è divenuta realtà e la Gran Bretagna è uscita ufficialmente dall’Unione europea. “Questa non è una fine, ma un inizio“, ha dichiarato il premier britannico Boris Johnson. Intanto, in Parliament Square, a Londra, una folla pro Brexit si è raccolta attorno alla statua di Winston Churchill, davanti al Parlamento di Westminster, e ha intonato ‘God Save the Queen’.

Come riporta l’Adnkronos, a partire da oggi ha inizio un periodo di transizione che terminerà alla fine del 2020. Durante questi 11 mesi, Londra e Bruxelles dovranno definire un nuovo accordo commerciale, secondo le linee guida tracciate nella Dichiarazione Politica che accompagna l’accordo di recesso.

Brexit 31 gennaio, Johnson: “L’alba di una nuova era”

“Per molte persone questo è uno stupefacente momento di speranza. Un momento che pensavano non sarebbe mai arrivato. E ci sono molti, naturalmente, che sentono un senso di ansia e di perdita”, ha detto il premier.

E ancora: “Poi, naturalmente, c’è un terzo gruppo, forse il più numeroso, che ha iniziato a temere che le dispute politiche non finiranno mai. Comprendo tutti questi sentimenti e il nostro compito, come governo, il mio compito, è riunire questo Paese e farci andare avanti. Questo è il momento quando sorge l’alba e la tenda si alza su un nuovo atto della nostra grande storia nazionale”.

Boris Johnson ha in seguito definito la Brexit come opportunità per far risorgere la Gran Bretagna. Questo, ha detto, “è potenzialmente un momento di vero rinnovamento e cambiamento nazionale”. Per Johnson, la Brexit segna “l’alba di una nuova era” per “riunire e far salire di livello” il Paese.

“Con tutta la sua forza e tutte le sue ammirevoli qualità, la Ue in 50 anni si è evoluta in una direzione che non andava più bene per questo Paese“. Ha continuato il Premier britannico. La Brexit deve essere intesa come “l’inizio di una nuova era di amichevole cooperazione tra la Ue e un’energica Gran Bretagna”.

“Il Regno Unito ha lasciato l’Unione europea”

Il Regno Unito ha lasciato l’Unione europea“, ha twittato il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab. “Siamo ambiziosi, fiduciosi e ottimisti per il nostro futuro, padroni del nostro destino e una forza per il bene nel mondo”.

Il responsabile della politica estera e di sicurezza della Ue, Josep Borrell, ha invece dichiarato: “Il Regno Unito rimarrà un partner fondamentale per l’Unione europea. Guardo avanti a quella che spero sarà una cooperazione molto stretta con i nostri amici britannici sulle comuni sfide a livello regionale e globale“.

Infine è intervenuto il segretario di Stato Usa Mike Pompeo: “Sono lieto che Regno Unito e Ue abbiano raggiunto un accordo per la Brexit che onora la volontà del popolo britannico. Continueremo a costruire la nostra forte, produttiva e prospera relazione con il Regno Unito, mentre inaugurano questo nuovo capitolo”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.