Trump cambia idea: “Pronti a negoziare con l’Iran”

Donald Trump
Donald Trump

Il presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, dopo l’uccisione del comandante iraniano Qassem Soleimani in un raid in Iraq, non ha mai escluso misure drastiche. Il generale è morto settimana scorsa, e da quel momento gli Usa hanno sempre dichiarato di optare per misura drastiche solo “se necessarie”. Questo sempre per difendere i cittadini e gli interessi americani in Medio Oriente.

Tuttavia, oggi, giovedì 9 gennaio, i media di tutto il mondo hanno riportato una missiva dell’ambasciatrice americana all’Onu, Kelly Craft, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Gli Usa, si legge, sono “pronti a impegnarsi senza precondizioni in negoziati seri con l’Iran” per evitare un’ulteriore escalation.

Non è mancano nemmeno la dichiarazione dello stesso presidente Trump. “Ora nuovo accordo sul nucleare”, dice. Secca la risposta dell’ambasciatore iraniano all’Onu, Majid Takht Ravanchi: “L’Iran non si farà ingannare dal presidente americano che proporrà la sua collaborazione dopo aver imposto sanzioni senza precedenti”. L’ambasciatore ha parlato all’agenzia ufficiale iraniana Irna, continuando a sostenere che gli Stati Uniti stiano facendo del “terrorismo economico”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.