“Donne in Kenya danno Coca-Cola e birra ai neonati per ucciderli”

Gli attivisti per i diritti umani hanno lanciato una drammatica denuncia: "Le madri in Kenya danno Coca Cola ai loro bimbi appena nati per ucciderli".

Donne in Kenya danno Coca-Cola ai figli per ucciderli
Donne in Kenya danno Coca-Cola ai figli per ucciderli

Gli attivisti per i diritti umani hanno lanciato una drammatica denuncia: “Le madri in Kenya danno Coca Cola ai loro bimbi appena nati per ucciderli. Questo “perché non sono in grado di ottenere aborti legali“. Il paese africano, come riporta Il Messaggero, è in preda a una “crisi di infanticidio“. La donne, mamme di bambini che non possono mantenere, cercano tutti i modi possibili per sbarazzarsi dei loro figli. Oltre alla Coca-Cola, alcune utilizzano anche birra allo zenzero o altre bevande gassate. Li alimentano così al posto del latte materno.

“Donne in Kenya danno Coca-Cola e birra ai neonati per ucciderli”

Inoltre, denunciano sempre gli attivisti, molti bambini vengono abbandonati in discariche o in fiumi. Alcune madri scelgono però cliniche abusive e vengono sottoposte a procedure che possono anche risultare devastanti.

“Le storie evidenziano la disperazione delle donne che non possono permettersi di crescere una famiglia in un paese in cui l’aborto è illegale – hanno spiegato gli attivisti. Vincent Odhiambo, attivista per i diritti umani a Kibera, ha raccontato: “Alcune donne non sono in grado di avere una famiglia. È noto che se dai a un bambino di pochi giorni Coca-Cola, morirà. Assurdo, perché in questo modo si ha la consapevolezza di uccidere”.

Sulla questione ha parlato anche un esponente della Coca-Cola: “Le recenti notizie di morti neonate in Kenya sono profondamente angoscianti e il nostro pensiero va a quelle donne e quei bambini che affrontano situazioni così disperate”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.