Storico russo fa a pezzi la compagna e cerca di suicidarsi vestito da Napoleone

Lo storico russo Oleg Sokolov fa a pezzi la compagna e cerca di gettarnegettar e i resti nel fiume: questa la storia che ha sconvolto la Russia

Un noto storico russo, esperto di Napoleone, ha ucciso e fatto a pezzi la giovane compagna. A compiere l’efferato delitto è stato Oleg Sokolov, docente all’Università di San Pietroburgo. L’uomo, 63 anni, ha confessato di aver ucciso la sua compagna, l’ex studentessa di 24 anni Anastassia Echtchenko.

Lo storico russo omicida

Il professore è uno dei massimi esperti di Napoleone, ed era stato insignito della Legion d’onore. È stato arrestato dopo essere stato ripescato dalle acque del fiume Moika, a San Pietroburgo. Con sé aveva uno zaino al cui interno gli agenti hanno ritrovato le braccia della donna uccisa. I media locali hanno fatto sapere che l’uomo sarebbe caduto in acqua proprio vestito da Napoleone, mentre cercava di gettare i resti della vittima nel fiume.

Lo storico era in stato di ipotermia, e per questo è stato ricoverato in ospedale. Ma poiché gli inquirenti hanno trovato il corpo della giovane donna nel suo appartamento, il 63enne è stato trasferito in Commissariato, dove ha firmato una confessione. Agli inquirenti avrebbe detto di aver ucciso la donna al culmine di una lite. Le avrebbe tagliato testa e arti e avrebbe voluto suicidarsi vestito da Napoleone

I precedenti di Oleg Sokolov

Sokolov è già stato accusato di violenza due volte. Nel 2008, una studentessa ed ex-amante l’ha accusato di averla brutalmente picchiata, minacciando di ucciderla. E nel 2018 lo studente Anton Kuzhim affermódi essere stato attaccato e picchiato da giovani per ordine di Sokolov, dopo che gli aveva chiesto pubblicamente di rispondere ad alcune accuse di plagio che erano state mosse al professore.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.