Germania manda militari sul confine, non vuole migranti dall’Italia

Ne avevamo già dato notizia ieri, mercoledì 6 novembre, ma oggi il pugno duro della Germania sui migranti è stato certificato.

Germania chiude i confini ai migranti
Germania chiude i confini ai migranti

Ne avevamo già dato notizia ieri, mercoledì 6 novembre, ma oggi il pugno duro della Germania sui migranti è stato certificato. Il Ministro dell’Interno tedesco ha dichiarato infatti che invierà i servizi segreti e gli agenti di polizia a sorvegliare i confini. “L’obiettivo -riporta Agenzia Nova, – è valutare la sussistenza di possibili rischi di spionaggio o estremismo nel quadro dell’autorizzazione di sicurezza obbligatoria, prerequisito per l’avvio di una procedura di asilo in Germania”.

Germania manda militari sul confine

La Germania è pronta anche a interrogare i migranti in Italia e a Malta. Il Ministro Horst Seehofer ha spiegato che gli interrogatori si baserebbero sul regolamento di Dublino. Gli agenti della BfV e della polizia tedesca sono dunque pronti a presentarsi come impiegati del governo tedesco nei nostri centri di accoglienza. “Impiegheranno per ciascun profugo tra le tre e le quatto ore” di interrogatorio “con alcune pause”.

Inoltre, come già accennato, la Germania sta blindando i suoi confini. La polizia federale tedesca, come riporta Il Giornale, ha ricevuto l’ordine di effettuare più controlli alle frontiere per fermare i clandestini che vogliono tentare di entrare nel Paese violando le regole sull’immigrazione. L’annuncio è stato dato anche dallo stesso Ministro dell’Interno: “La polizia federale condurrà controlli flessibili a tutte le frontiere tedesche”.

Infine si ha notizia che l’ufficio federale per la protezione della Costituzione respinge sempre più richieste di asilo avanzate dai migranti sbarcati in Italia e a Malta.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.