Bimbo nato senza volto: da anni casi simili, ma tutti nella stessa clinica

Un bimbo, chiamato Rodrigo, è nato senza volto. Non ha gli occhi, il naso, parte del cranio e del cervello. Nella clinica dove è nato sono stati tanti i casi simili e un medico ora è nei guai.

Bimbo nato senza volto
Bimbo nato senza volto

Un bimbo, chiamato Rodrigo, è nato senza volto. Non ha gli occhi, il naso, parte del cranio e del cervello. Per alcuni dottori non avrebbe mai potuto sopravvivere, eppure è ancora in vita. La storia ha sconvolto il Portogallo, dove il bambino è nato, e potrebbe aver portato alla luce un gravissimo caso di negligenza di un medico, ora sospeso dalla professione.

Bimbo nato senza volto

La madre si era sottoposta a quattro ecografie dall’ostetrico Artur Carvalho. Nessuna malformazione era stata riscontrata. Cosa strana, dato che il bambino è nato con degli handicap gravissimi. I genitori hanno così deciso di denunciare il dottor Carvalho. Indagando sul suo passato sono poi venuti fuori casi analoghi.

Sarebbero state infatti almeno 6 le denunce nei confronti del medico. E tutte per lo stesso motivo. Un bambino, nel 2007, era morto poco dopo la nascita per gravi complicazioni che semplici esami potevano mettere in luce fin dai primi controlli. Un secondo bambino, al contrario, oggi ha 8 anni e ha delle deformazioni tali che non gli permettono né di parlare né di camminare.

Il caso ha dunque fatto esplodere nel Paese iberico un grave allarme di mala sanità. Lo scandalo, come riporta Il Messaggero, ha travolto la clinica Carvalho mettendo discussione l’intera tenuta del sistema sanitario e il suo collegamento con quello giudiziario. L’ostetrico infatti non era mai è stato condannato nei processi che lo hanno visto sul banco degli imputati per i casi citati. 

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.