Brexit, la richiesta di voto anticipato è stata respinta

Boris Johnson e il cambiamento climatico
Boris Johnson(foto repertorio)

Brexit, il parlamento britannico ha respinto la richiesta, che portava la firma del primo ministro Boris Johnson, per elezioni anticipate il 12 dicembre. Secondo quanto ha riferito al Bbc, la mozione ha ottenuto appena 299 voti favorevoli. Per passare serviva la maggioranza di due terzi, pari a 434 voti.

L’Unione Europea a 27, nel frattempo, “ha concordato di accettare la richiesta del Regno Unito di una proroga flessibile della Brexit fino al 31 gennaio 2020. Si prevede che la decisione venga formalizzata attraverso la procedura scritta”. Lo ha annunciato su Twitter il presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk.

Dal canto suo, un portavoce di Downing Street, ha dichiarato che il primo ministro Boris Johnson non ha nulla da rimproverarsi per non essere riuscito a centrare l’obiettivo di uscire dalla Ue il 31 ottobre, come lui ha ripetutamente promesso, ma la colpa è del Parlamento“. La notizia è stata riportata dall’Adnkronos.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.