Tir con 39 cadaveri scoperto dalla Polizia: fermato il conducente

Un 25enne è stato fermato dalla Polizia: nel container guidato dal ragazzo sono stati scoperti 39 cadaveri: indagini in corso.

Tir con 39 cadaveri al proprio interno, fermato il conducente
Tir con 39 cadaveri al proprio interno, fermato il conducente (foto Youtube)

I cadaveri di 39 persone sono stati trovati in un container su un tir nell’Essex (Regno Unito). Il personale di Polizia, allertato dai servizi di emergenza sanitaria al “Waterglade Industrial Park” a Grays, ha arrestato un 25enne dell’Irlanda del Nord. L’accusa è di sospettato omicidio.

Tir carico di cadaveri nell’Essex

La Polizia ha parlato del tir giunto dalla Bulgaria ed entrato nel Regno Unito mediante Holyhead nella giornata di sabato 19 ottobre. Sono in corso le procedure per l’identificazione delle vittime. Annunciato un periodo alquanto lungo per dare un nome alle persone scoperte senza vita all’interno del camion. Si tratta di 38 adulti e di un adolescente. Il personale di Polizia non ha specificato se all’interno del mezzo vi fossero persone trovate in vita. Il sovrintendente Andrew Mariner ha dichiarato che l’uomo è sotto la custodia della Polizia in attesa di ulteriori indagini.

Il messaggio di Johnson

Il Primo Ministro, Boris Johnson, si è dichiarato «sconvolto» per l’accaduto. «Ricevo aggiornamenti regolari. Il Ministero dell’Interno – dichiara Johnson – sta lavorando a stretto contatto con la Polizia dell’Essex. Dobbiamo comprendere cosa sia accaduto. I miei pensieri sono con tutti coloro che hanno perso la vita e con i loro cari».

L’esponente politico Doyle-Price ha commentato il tragico ritrovamento: «Il traffico di persone è un affare piuttosto vile e anche molto pericoloso. Speriamo che la Polizia consegni gli assassini alla giustizia».

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.