Brexit, Johnson contro Corbyn: “Punta a un secondo referendum”

Boris Johnson è partito all'attacco di Jeremy Corbyn dopo che è fallito l'incontro previsto tra i due questa mattina, mercoledì 23 ottobre.

Boris Johnson e il cambiamento climatico
Boris Johnson(foto repertorio)

Boris Johnson è partito all’attacco di Jeremy Corbyn dopo che è fallito l’incontro previsto tra i due questa mattina, mercoledì 23 ottobre. “Temo che questo onorevole signore non abbia altro proposito nel contrastare la Brexit che quello di arrivare ad un secondo referendum”. Queste le parole di Johnson, arrivate meno di 24 ore dopo il primo voto sulla Brexit.

“Devo dire che trovo peculiare il fatto che ora Corbyn voglia di nuovo la legge, visto che la scorsa notte ha votato contro ed ha costretto tutto il partito laburista a votare contro”, ha continuato il premier. E ancora: “Non possiamo sapere quello che la Ue farà in risposta alla richiesta del Parlamento. Stiamo aspettando la loro risposta. Io non credo che il popolo di questo Paese voglia un rinvio, io non voglio un rinvio“.

La discussione a distanza è stata poi terminata dal portavoce di Johnson. Il Premier “crede che la Brexit sia ancora possibile entro il 31 ottobre. Il momento per completarla è ora, il premier vuole farlo entro il 31 ottobre, ma ovviamente grazie alla lettera del Parlamento la decisione non è necessariamente nelle nostre mani. Continuiamo ad aspettare per vedere quello che ha da dire la Ue”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.