Brexit, speaker dice no a un nuovo voto su accordo

Giornata di forte tensione nel Regno Unito per la questione riguardante la Brexit. Altra giornata importante per Johnson.

Brexit
Brexit (foto Afp)

C’è stato l’ennesimo nuovo tentativo per far votare l’accordo sulla Brexit raggiunto a Bruxelles. L’idea era quella di sovvertire l’emendamento Letwin che intende rinviare il tutto con l’obiettivo di far coincidere la ratifica dell’intesa mediante la legislazione connessa al provvedimento. La decisione è toccata allo speaker John Bercow che doveva decidere se consentire il voto oppure respingere la richiesta. Sulla tematica si era già espresso Donald Tusk.

Brexit, la situazione

Il Governo londinese ha intenzione di introdurre delle normative volte nel raggiungimento dell’accordo della Brexit con il nome “Withdrawal Agreement Bill”. “L’emendamento di rinvio di Letwin ha svuotato di significato il voto di sabato. Ha privato i parlamentari e l’opinione pubblica della possibilità di mettere fine all’incertezza”.

Come riporta l’Adnkronos, lo speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, ha deciso di non consentire che oggi si voti sull’accordo per la Brexit negoziato dal premier Boris Johnson. Bercow si è appellato al regolamento parlamentare, che impedisce che nell’ambito della stessa sessione si voti un provvedimento già precedentemente sottoposto al vaglio dei Comuni, a meno che il testo e le circostanze non abbiano subito “significative” modifiche.

Non si è fatto attendere il commento di Boris Johnson: “Siamo delusi dal fatto che lo speaker abbia negato la possibilità di realizzare la volontà del popolo. I cittadini vogliono che la Brexit si faccia”.

L’Unione europea

Intanto la Commissione europea ha confermato che sono in corso le consultazioni tra i 27 leader della Ue sulla richiesta di rinvio presentata dal premier britannico Boris Johnson. In conferenza stampa, la portavoce Mina Andreeva ha detto: “Il presidente Tusk sta consultando i 27 leader Ue su questo, ed è soprattutto al Regno Unito che spetta spiegare i prossimi passi. Da parte nostra, naturalmente, seguiamo gli eventi in corso queta settimana a Londra molto attentamente”.

Ma sulla questione è intervenuto anche il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas: “Non escluderei una breve proroga tecnica, se ci sono problemi in Gran Bretagna con i passi della ratifica. Se ci sarà un’ulteriore proroga nell’insieme, questo dovrà essere valutato all’interno dell’Unione Europea”.

Redazione CiSiamo
La Redazione di CiSiamo.info è pronta a parlarvi di attualità, cronaca, politica, spettacolo, sport, cultura, cercando sempre di portare alla vostra attenzione i fatti più interessanti e più rilevanti che la contemporaneità ci mette davanti. Siamo pronti a far scorrere le dita sulle nostre tastiere. Noi Ci Siamo, e voi? Seguiteci sui social.